I miti del sonno sfatati dalla dottoressa Shelby Harris

Ho passato molto tempo nella mia carriera a sfatare miti che tendono a peggiorare il sonno delle persone. Qui condividerò alcuni dei più comuni che sento (ce ne sono così tanti!) e vi svelerò i fatti reali che dovete sapere.   

Mito: Puoi sempre recuperare il sonno  

Realtà: Userò un’analogia con il denaro per rendere la spiegazione più semplice. Diciamo che sei uno che ha bisogno di dormire “otto ore a notte”. Ora, supponi di essere una persona che non trova il tempo per dormire durante la settimana e che regolarmente dorme solo sei ore a notte. Sono due ore in meno del tuo fabbisogno per cinque sere a settimana... Che equivale a un deficit di sonno di 10 ore in 5 notti.  

 

Nel fine settimana, provi a recuperare quel sonno perso, ma in realtà è davvero difficile recuperare le 10 ore che hai perso. Forse riesci a recuperare due ore al giorno nel fine settimana. Ma entro la fine della settimana ti resterà ancora un debito di sonno di sei ore. E il deficit cresce. Non te ne rendi conto da notte a notte, ma il problema di fondo della perdita di sonno è proprio lì.  

 

Mito: La caffeina influisce solamente sulla capacità di addormentarsi.  

Realtà: Sebbene sia vero, è stato anche dimostrato che il caffè influisce sulla capacità di avere un sonno riposante. Porta a un tempo più lento per la fase REM e riduce il sonno profondo a onde lente (il sonno ristoratore e profondo che è importante per rigenerare il corpo e ripristinare l’energia). Inoltre, è stato dimostrato che il sonno meno consolidato a causa della caffeina ha un impatto negativo sull’apprendimento, sulla regolazione delle emozioni e sulla risoluzione dei problemi.  

 

Mito: Attivare la funzione snooze mi dà un un importante riposo extra.  

Realtà:  Potrebbe essere bello in quel momento premere il tasto snooze, ma non è poi tanto meglio. In questo modo non ti concedi abbastanza tempo per completare un ciclo di sonno completo, quindi il tuo corpo si confonde, chiedendosi se deve effettivamente rimettersi a dormire o meno, e per questo ti senti intontito quando ti alzi. Alzarsi a orari diversi può inoltre peggiorare l’addormentamento di notte!   

 

Mito: L’alcol mi aiuta a dormire.  

Realtà:  L’alcol può aiutarti ad addormentarti, ma la qualità del sonno non sarà eccezionale. Avrai una fase REM più breve (è il momento in cui elabori ricordi ed emozioni, simile a un armadietto di riempimento del tuo cervello) e alla fine avrai bisogno di dormire sempre di più, il che ovviamente non è l’ideale. Inoltre è molto disidratante e può farti russare di più, con conseguenti mal di testa al mattino. Per evitare che influisca sul sonno, evita di consumare alcol 3 ore prima di andare a letto. 

 

Mito: Puoi abituarti nel tempo ad essere operativo anche se dormi meno 

Realtà:Non puoi fingere di svegliarti. Fingere prestazioni impeccabili su base regolare è difficile senza una linea di base di sonno sufficiente. Certo, abbiamo tutti giorni difficili qua e là in cui caffè e pisolini (o caffè + pisolini!) sono utili, ma non sostituiscono il tuo fabbisogno di sonno di base.   

 

Mito: 8 ore di sonno ogni notte è il numero perfetto.  

Realtà: Otto ore è facile da dire, ed è semplicemente il numero che sta tra il sette e il nove! La maggior parte degli adulti rientra nell’intervallo tra le sette e le nove ore, con alcuni che hanno bisogno di dormire un po’ di più o un po’ di meno. Fai come ti senti di fare. Se non riesci a dormire a sufficienza, chiediti perché. Il problema è che non hai abbastanza tempo per dormire o soffri di insonnia cronica per cui non riesci a dormire nonostante ci provi? O c’è qualcos’altro che ti impedisce di dormire bene? Se, nonostante tu ti stia concentrando sul tuo sonno, non riesci a ottenerne la qualità o quantità desiderata, parlane con il medico.   

 

Se hai regolarmente sonno e fai fatica ad alzarti dal letto, indipendentemente dai suggerimenti sopra e dal tempo a disposizione per una routine del sonno, parla sempre con il tuo medico per escludere altri problemi.

 

 

Questo articolo fa parte della nostra masterclass di 14 giorni per dormire profondamente, la tua guida olistica per dormire meglio la notte, sviluppata con la dottoressa Shelby Harris. Per i consigli degli esperti su come migliorare il tuo sonno, o per iniziare il piano completo con video quotidiani, consigli e sfide che ti svelano quali sono le piccole abitudini che fanno una grande differenza per il sonno, fai clic qui.

Shelby Harris

Shelby Harris

Dr. Shelby Harris is a Rituals Ambassador for Sleep, and a licensed clinical psychologist. With years of experience treating a wide variety of sleep disorders she uses evidence-based methods and non-pharmacological treatments to improve sleep for everyone from babies to adults. Dr. Harris currently holds a dual academic senior-level appointment as Clinical Associate Professor at the Albert Einstein College of Medicine in both the Neurology and Psychiatry Departments. and is board certified in Behavioral Sleep Medicine (BSM) by the American Academy of Sleep Medicine. She’s also the author of The Women’s Guide to Insomnia.