Giorno 3 - C’è una formula per la felicità e conoscerla ti cambierà la vita

Alcune persone sembrano felici​nel profondo, giusto? Mentre altre tendono a virare il più delle volte verso l’infelicità. La verità è che tutti possiamo essere felici. La felicità non è un’emozione che proviamo per pura fortuna o per caso. La felicità, infatti, è così prevedibile che esiste una semplice formula che definisce esattamente di cosa si tratta.  

 

 

La cosa semplice è che “ti senti felice quando la vita va come vorresti”, scrive Mo Gawdat, esperto di felicità e autore di Solve for Happy. Non sorprende che sia vero anche il contrario: “provi infelicità quando la realtà non corrisponde alle tue speranze e aspettative”. Ad esempio, Mo spiega che “se ti aspetti che il giorno del tuo matrimonio ci sia bel tempo, una pioggia inaspettata rappresenta un tradimento cosmico”. La tua infelicità per quel tradimento potrebbe persistere per sempre, in attesa di essere rivissuta ogni volta che ti senti triste o ostile nei confronti del tuo coniuge: “Avrei dovuto saperlo! Ha piovuto il giorno del nostro matrimonio!”.  

 

L’equazione della felicità 

Ma la tua felicità non dipende da una pioggia casuale. Invece, dipende dalle tue aspettative. Il modo migliore per spiegare la definizione di vera felicità è con l’equazione della felicità di Mo Gawdat:   

 

La formula rivela il segreto della felicità: quando le tue aspettative sono uguali o inferiori alla realtà degli eventi, allora sei felice.  

 

La felicità è un pensiero 

In realtà, non è l’evento che ci rende infelici, è il modo in cui pensiamo ad esso che lo fa. Pensaci bene. La tua felicità è tutta nella tua percezione e la chiave è concentrarti su pensieri positivi. Sì, potrebbe piovere il giorno del tuo matrimonio, ma questo non cambia il fatto che stai sposando la persona che ami! Questo è ciò che renderà quella giornata meravigliosa, non il tempo. Non ti convince? Il modo migliore per riaffermare l'idea è con il Blank Brain Test 

 

ATTIVITÀ DI OGGI PER LA FELICITÀ 

Inizia ricordando un momento in cui ti sei sentito infelice, forse un amico è stato scortese con te, e pensaci per un minuto o due. Sappiamo che non è divertente, ma ne varrà la pena.  

 

Ora pensa a qualcos’altro, come il tuo gelato preferito, o ascolta una canzone che ami. Come ti senti ora?  

 

Quando hai smesso di pensare a cosa ti rende infelice, in quel momento, ti sei sentito meglio, vero? Ciò significa che, una volta che il pensiero si allontana, svanisce anche la sofferenza. Il più delle volte non possiamo controllare quel che accade, ma possiamo controllare i nostri pensieri.  

 

Mo spiega nel suo libro che quando una persona che è stata scortese con te si scusa, il suo gesto non cancella quel che è successo, ma tu ti senti meglio perché quel gesto cambia i tuoi pensieri sull'accaduto. Porta il mondo delle emozioni dentro di te e i fatti del mondo al di fuori, in un allineamento migliore e bilancia la tua Equazione della Felicità. 

 

Clicca qui per La Sfida della Felicità - Giorno 4.